lo scroccone


Dopo una settimana trascorsa senza scendere a terra è arrivato il momento di gonfiare il tender. Le scorte di cambusa scarseggiano e poi quattro passi, invece delle solite nuotate, ci faranno bene. 




Appena il tempo di gettarlo in mare e legarlo a poppa che subito è arrivato un gabbiano scroccone.


Al mio allargare le braccia mi aspettavo di vederlo volare via come succede di solito, invece si è voltato e ha continuato a fare il vago .....tempi che cambiano.

6 commenti:

  1. i gabbiani si stanno geneticamente modificando, adeguandosi ai peggiori costumi umani, e diventano sempre più terrestri e meno marini... ne abbiamo visto uno addirittura in Garfagnana al ponte della Maddalena!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caspita! hai presente la casa colonica davanti a casa mia? la stanno colonizzando e per appropriarsene stanno cacciando i colombi che la abitano da sempre (discendenti dei colombi allevati dai contadini che l'hanno abitata fino al 1998 circa e che lasciarono i pennuti liberi).

      Elimina
  2. te l'ho detto!!! qui "migrano" quotidianamente: la mattina fanno Livorno-discarica di Pontedera, la sera rientrano a dormire sui tetti dei capannoni del porto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più che migrare ormai sono pendolari a tutti gli effetti!!

      Elimina
  3. Looks so warm, sunny and bright :-)!. Greetings from Finland. Our sailing weather has been almost raining and cold. Nice blog you have :-).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. welcome. yes it is, and usually last all the summer.
      but life is strange and we dream to sail the Baltic!....on july of course!!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...