Cape Reinga - Nuova Zelanda




Al n° 30 delle 101 must-do's for kiwis c'è la visita a Cape Reinga.










Qui nella penisola di Aupuori  o "coda di pesce"  come la chiamano i maori, dove il mare di Tasmania incontra l'oceano Pacifico, sorge il faro più a nord della Nuova Zelanda.

Reinga in lingua maori significa mondo sotterraneo e secondo una credenza di questo popolo è da qui che lo spirito dei loro i morti lascia la terra.


Contrariamente a quanto istintivamente avevo pensato non è nel punto più settentrionale dell'isola che invece è North Cape come dice il nome.


In seguito ai tanti disastri del mare venne deciso di posizionare un faro nella parte nord dell'isola. nel 1874 il capitano Johnson ebbe il compito di perlustrare la zona per individuare il sito più adatto. Valutò che cape Reinga fosse troppo alto per una luce e tra North Cape e l'isola Motuopao preferì quest'ultima perchè offriva un raggio di visibilità migliore. Il faro fu costruito e funzionò dal 1879 al 1941. Tuttavia le difficoltà per raggiungere la piccola isola per i tre guardiani e le loro famiglie, l'approvvigionamento dei prodotti per la sussistenza e varie altre problematiche dettero inizio alla necessità di installare il faro su Cape Reinga e quindi ai lavori.


Il 3 ottobre del 1941 entrò in funzione il nuovo faro, la luce era alimentata da un generatore diesel. e i guardiani erano due con le loro famiglie.
Nel 1987 venne completamente automatizzato e controllato da Wellington.
Nel 2000 la luce e il suo meccanismo furono rimossi e l'alimentazione da allora è  affidata a batterie ricaricate da pannelli solari.
La storia di questo faro, del faro precedente (Cape Maria van Diemen), delle peripezie e dei pericoli affrontati dai guardiani e tante altre informazioni le potete trovare QUI

Technical details

Location: latitude 34°26' south, longitude 172°41' east
Elevation: 79 metres above sea level
Construction: concrete tower
Tower height: 10 metres
Light configuration: modern rotating beacon
Light flash character: white light flashing once every 12 seconds
Power source: batteries charged by solar panels
Range: 19 nautical miles (35 kilometres)
Date light first lit: 1941
Automated: 1987
Demanned: 1987



Noi l'abbiamo raggiunto in camper. La strada è agevole anche nell'ultimo tratto non asfaltato.











Poco prima di arrivare al parcheggio la vista apre sull'isola Motuopao.







A piedi si possono raggiungere le spiagge attraverso i tanti sentieri e naturalmente anche il faro.












Affacciandosi dalla terrazza dove è situato il faro e da ogni punto del promontorio si percepisce la potenza che scaturisce dall'incrociarsi di queste due correnti,  nonostante nel giorno che abbiamo trascorso qui il mare fosse calmo. Nei momenti di tempesta deve essere davvero terrificante.



°°°

In all Ashley Coulston spent 111 days sailing the G'day 88 on his trans-Tasman voyages, covering 4280 miles (1575 miles W-E, 2705 miles E-W).



John Riding arrived in New Zealand as part of his goal to circumnavigate the globe in his 12ft long sloop, the Sea Egg.



Swirly World in Brisbane

The yacht was purchased in 1985 by Andrew Fagan,.............


Per saperne di più vedi 







Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...