sacca per salvagente


Il detto "non tutte le ciambelle riescono col buco" mai fu più appropriato, perchè questo lavoretto, che ritenevo semplice semplice mi ha fregata e ho dovuto farlo 2 volte.
Non so se per voi è la stessa cosa ma rifare un lavoro venuto male mi infastidisce moltissimo. Quando ormai l'entusiasmo dell'invenzione è volato via, rimane solo la noia del semplice confezionamento, un leggero disappunto per aver sottovalutato il lavoro e qualche ferita per sopravvalutato le proprie capacità. Vediamo con ordine come sono andate le cose.






Per prima cosa ho ordinato del sunbrella, un bel po' di metri che ci serviranno per fare anche altre cose e ho apparecchiato la tavola con la mia macchina per cucire:
Ho usato il salvagente come dima (foto di copertina) e ho tagliato i 2 pezzi rotondi di 1 solo cm.(primo errore) di raggio più grandi. Poi  ho tagliato una striscia lunga un po' più della circonferenza e alta 2 cm. in più (altro errore).


Cuciti insieme tutti i pezzi ho aggiunto dei laccetti per fissarla al pulpito (terzo errore) 



Come vediamo dalle foto sopra, con il lacci pendeva da tutte le parti e i tagli di tessuto troppo precisi mi hanno impedito di fare almeno un piccolo orlo...insomma era venuta proprio male e ho dovuto ricominciare dal principio.





Questa volta ho fatto i 2 pezzi rotondi di tessuto  3 cm di raggio in più e la striscia dello spessore 5 cm. più larga e ho dovuto unire 2 pezzi per ottenere tutta la lunghezza della circonferenza (ovviamente questo dipende dall'altezza della stoffa a disposizione che nel mio caso era inferiore).  Ho orlato la striscia di 0.5 cm. poi ho applicato una cerniera lunga 10 cm più della metà della circonferenza del salvagente. Dal momento che il sunbrella è impermeabile e che inevitabilmente dalla cerniera la pioggia può passare causando umidità difficile da far evaporare, nella parte di striscia che sarebbe andata in basso ho ricavato un intaglio e da rovescio ho applicato della semplice tela di cotone che lascerà unscire l'acqua mantenendo l'interno della sacca asciutta.  Ho unito i pezzi e invece dei laccetti ho fatto dei fori con le asole di metallo nei punti adatti al fissaggio secondo il pulpito di Thea e l'ho fissata con semplici fascette. ora è perfetta ...o quasi.




Non è così complicato come sembra, la cosa importante è non tagliare la stoffa in modo troppo preciso perchè altrimenti alla fine mancano un paio di cm.!!!


°°°

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...