Fastnet vista da Hayter


Questo pomeriggio ho dedicato il mio tempo alla lettura di un libro (curato da Carla Esposito) su  Stanley William Hayter, un pittore ed incisore nato a Londra nel 1901 che visse per la maggior parte dei suoi 87 anni tra Parigi e New York.



particolare
"Nel 1985, a ottantaquattro anni, realizzò una delle più belle stampe di soggetto marino della sua lunga attività. Un suo amico aveva partecipato alla sfortunata regata Fast-net che incappò in un uragano, e questa notizia ispirò a Hayter "Fastnet", la più grande e più drammatica fra tutte le sue stampe a colori.
Cinque vele si allungano verso l'alto nel cielo oscuro; la bruma, bassa sul mare, corre attraverso le loro cime.
Si può interpretare questa sequenza di vele come la rappresentazione di un singolo yacht in un progressivo spostamento, che lotta tra montagne d'acqua lungo una traiettoria curva da sinistra a destra.
La linea dell'orizzonte si piega come se fosse vista dal ponte di una imbarcazione sballottata dal mare. Violenti segni di bulino, inchiostrati con arancione fluorescente, posti al di sopra dell'oceano alla stessa altezza delle cime delle vele, indicano lo sbattere al vento dell'albero dello yacht che viene scagliato avanti e indietro; altri segni selvaggi suggeriscono gli stralli divelti che volano nel vento.
La superficie dell'oceano si gonfia mentre lunghe onde la solcano alla cieca, e striature diagonali alludono alla pioggia sferzante. Il cielo è reso con una elaborata vernice molle, frammenti strapazzati di tarlatana animano la superficie e insieme fungono da metafora delle vele che si strappano.
Nuvole di tempesta d'un porpora scuro-verde coprono il cielo, ma l'orizzonte risalta torvo con un rosso e un arancione rabbiosi" (da Hayter e l'Atelier 17-Mondadori Electa)
particolare
°°°


Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...